5 Motivi per usare i Fingers Puppets

Siamo molto concentrati su come utilizzare i nuovi mezzi digitali per incoraggiare l’apprendimento in modo divertente e ci dimentichiamo degli strumenti semplici e storici che abbiamo a disposizione, come i fingers puppets! In italiano, le marionette a dita ma il termine non credo includa davvero il reale significato, per cui concedetemi di usare l’inglese perché trasmette davvero il reale significato.

Continue reading →

Non solo pedagogia: 5 libri che gli educatori dovrebbero leggere

I professionisti della cura devono avere uno sguardo ampio ed essere capaci di osservare diversi punti di vista, da prospettive differenti.

Confrontandomi con la mia cara amica e pedagogista Martina Tarlazzi, dello studio pedagogico epochè di Faenza, abbiamo riflettuto su quanto noi educatori o pedagogisti non possiamo non aver letto alcuni capisaldi di scienze umane o sociali che devono concorrere ad un unico grande obiettivo: aumentare il benessere delle persone. Ci sono libri non dichiaratamente pedagogici, ma ricchi di un sapere che come esperti in educazione non possiamo non aver letto o studiato almeno una volta.

Continue reading →

Fare educazione significa fare politica

L’istruzione o funziona come uno strumento che viene utilizzato per facilitare l’integrazione delle giovani generazioni nella logica del sistema attuale e portare a conformità o diventa la pratica della libertà, il mezzo con cui gli uomini e le donne si occupano in modo critico della realtà e scoprire come partecipare alla trasformazione del loro mondo. ” Paulo Freire , La pedagogia degli oppressi.

Educazione e politica sono due mattoncini dello stesso palazzo, il muro portante che sorregge l’intera costruzione.

Continue reading →

Tablet e bambini: dagli effetti nocivi alle istruzioni per l’uso

Viviamo in un’epoca iper tecnologica e se questo porta una serie massiccia di risvolti positivi, provoca anche delle conseguenze potenti. Soprattutto, quando parliamo di sviluppo del cervello ed educazione. Vi avevo già parlato di quanto come educatori, dobbiamo considerare le neuroscienze un pezzo importante del nostro lavoro.

Continue reading →

Lasciamo fare ai padri il loro lavoro

Non è che noi ci occupiamo dei bambini perché li amiamo: al contrario, noi li amiamo perché ce ne occupiamo» Alison Gopnik

Come professionisti della cura, metà del nostro lavoro si traduce nel costruire una buona collaborazione con i genitori dei nostri utenti. Questo significa per la maggior parte delle volte, interfacciarsi con una superiorità numerica femminile.

Continue reading →